Bilancio di previsione, gli aspetti salienti. Si punta sulla lotta all’evasione

LECCE – Torna a sottolineare il peso di un’eredità ventennale il primo cittadino quando illustra nel dettaglio i punti focali del tanto atteso bilancio di previsione: l’ago della bilancia dei labili equilibri di Palazzo Carafa. “Avremmo potuto attuare manovre di riequilibrio che si sarebbero protratte per anni o accedere alla procedura di pre-dissesto” rimarca Salvemini, come a dire “abbiamo lavorato soprattutto per mettere una toppa ai precedenti errori“. Un appello più o meno esplicito alla collaborazione futura, come atto di consapevolezza prima, e poi di assunzione di responsabilità.

Dal momento del suo insediamento l’amministrazione di Centrosinistra ha sostenuto una manovra di riequilibrio per circa 5 milioni. Il tutto per far fronte a debiti fuori bilancio, istituzione di un fondo rischi, parcelle di avvocati esterni, sentenze sfavorevoli e perdite della partecipata Lupiae servizi srl. Senza considerare poi, tra le altre criticità, gli oneri reclamati da Sgm per il funzionamento del filobus.

Come risalire dunque la china? Puntando su 2 scelte fondamentali: recuperi forti sul fronte evasione e ottimizzazione nell’uso della spesa corrente.

Sul primo fronte le linee direttrici individuate sono due:

l’aumento del fondo crediti di dubbia esigibilità, nel quale per la prima volta è inserita la TARI. Questo per evitare che le entrate di dubbia riscossione siano considerate per finanziare le spese certe.

la definizione dei costi dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, il ché richiede un aggiornamento del piano finanziario della Tari con un aumento complessivo di spesa pari a 4 milioni e mezzo. Un rincaro che, però, non ricadrà sui ceti meno abbienti: la TARI sociale prevederà l’esenzione di quella parte di popolazione a basso reddito. Riduzioni sono previste anche in favore di chi riutilizza l’organico in casa attraverso compostiere e per i B&B.

Sul fronte investimenti, invece, l’amministrazione ha scelto di includere nel piano triennale delle opere pubbliche solo gli interventi realmente cantierabili: la messa in sicurezza di Viale Leopardi, l’abbattimento delle barriere architettoniche, la demolizione delle palazzine di Via Sozy Carafa e la realizzazione di 2 rotatorie. Una all’incrocio tra Viale Gallipoli e Viale degli studenti, l’altra in Via Cremona.

In tema politiche sociali la previsione è di 15 milioni mediante il Piano Sociale di Zona. Sul fronte turismo la proposta è quella di utilizzare l’imposta di soggiorno per finanziare le iniziative del settore turistico e impiegare gli utili della Sgm nel potenziamento del servizio di trasporto pubblico locale: 1,6 milioni quelli maturati fino al 31 dicembre 2016.

Novità anche sul fronte Lupiae Servizi: la convenzione fino ad ora in piedi con la partecipata sarà rivista di Comune accordo con quest’ultimaal fine di garantire servizi adeguati -ha detto al sindaco- non sempre negli anni è stato così“.

Si sta lavorando anche per garantire risorse straordinarie alla città mediante un accordo con la Regione Puglia, il tutto per un piano di sviluppo urbano per oltre 200 milioni di euro. Quello che Salvemini confida di presentare a breve alla città.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*