Discarica abusiva nel mercato coperto di Monteroni: rifiuti ammassati nel centro del paese

dav

MONTERONI – Legno, materiale di risulta, ferro, persino segnali stradali. Uno spazio che si trova all’interno del mercato coperto di Piazza della Repubblica a Monteroni letteralmente trasformato in una discarica abusiva. La denuncia, dopo la segnalazione dei cittadini, arriva dal Consigliere Comunale di fratelli d’italia Massimiliano Manca.

“Uno spettacolo- dice il consigliere- che non meriterebbe commenti e, forse, nemmeno considerazioni. Vogliamo sperare che, anche se si tratta di rifiuti speciali, non siano pericolosi.

Il materiale giace lì da poco più di tre anni e si trova in pieno centro urbano, a ridosso di attività commerciali e, soprattutto, in adiacenza a due istituti scolastici. Un sito che andrebbe immediatamente bonificato per salvaguardare la salute dei cittadini e che, invece, sorprendentemente, viene “tumulato” con blocchi di cemento sotto gli occhi di tutti. Nei giorni scorsi sono cominciati i lavori di messa in sicurezza della struttura, inagilibile dal 2009. l’area del porticato è stata murata e la discarica si trova all’interno”.

Eppure, sottolinea il consigliere, il mercato coperto di Piazza della Repubblica sarebbe dovuto essere riqualificato secondo un progetto frutto di un percorso cominciato nel 2014 di partecipazione tra cittadini, commercianti e professionisti e poi bruscamente interrotto con la caduta dell’amministrazione.La situazione attuale è stata più volte denunciata dai cittadini che quotidianamente frequentano il mercato.

“Eppure -commenta Manca- il primo cittadino, la sindaca Angelina Storino, fa la morale parlando di “tolleranza zero” nei confronti dei propri concittadini che stanno avendo non poche difficoltà nel “differenziare” con l’inizio del nuovo servizio di raccolta dei rifiuti, utilizzando sterili slogan per dissuadere tutti coloro che deturpano ed inquinano le nostre campagne con l’abbandono indiscriminato di rifiuti. Ma ci si chiede: come si può pretendere il rispetto delle regole quando poi chi dovrebbe dare il buon esempio, come una pubblica amministrazione, è capace di fare addirittura peggio?”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*