Fse parificata a Trenitalia, i viaggiatori denunciano: stesse regole rigide, ma disagi al posto di diritti

ATR 220-019 delle Ferrovie del Sud-Est a Nardo'
randstad 2

SALENTO – Come annunciato, essendo state le Ferrovie del SuEst assorbite da Trenitalia, ne acquisiscono il regolamento. Dal primo gennaio sono in vigore, per chi viaggia su convogli e bus FSE, le norme in materia di acquisto dei biglietti introdotte -come dicemmo il 7 dicembre scorso- “Per contrastare il fenomeno dell’evasione e provare ad agevolare i passeggeri”. Ma, se pure le intenzioni fossero buone, ci arrivano segnalazioni di viaggiatori che invece stanno subendo i disagi di questo cambiamento.

Un esempio: prima, per chi acquistava un biglietto per la tratta Taranto-Lecce, c’era la possibilità, non facendo la corsa, di utilizzare lo stesso boglietto il giorno dopo. Ora no: puoi effettuare solo la corsa che prenoti. Al massimo puoi cambiare la data una sola volta e hai 24 ore per farlo, oppure perderai i soldi. Esattamente come accade sui treni Trenitalia, solo che lì, come contropartita, hai un diritto: hai il posto assegnato, che invece le SudEst non garantiscono affatto, non essendo i biglietti nominali. Allo stesso modo, prima, acquistando due biglietti per la tratta Taranto-Lecce, potevi anche decidere di fare, con uno dei tagliandi, la tratta al contrario, Lecce-Taranto.

Ora no: se la tratta specificata è una, si può effettuare solo quella corsa e non l’altra nel senso inverso.

Dunque ora a bordo dei mezzi FSE vige la regolamentazione rigida di Trenitalia, ma senza poter godere degli stessi vantaggi dei viaggiatori delle Ferrovie dello Stato.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*