80 tonnellate di plastica abbandonate, nell’ex Aspica l’ecobomba ancora da disinnescare

LECCE- Il grande incendio nel capannone dismesso a Pavia, con la conseguente nube carica di diossine, risveglia l’incubo che è alle porte di Lecce, nella sua zona industriale, un’ecobomba che a distanza di anni ancora non viene disinnescata. Nell’ex deposito Aspica, abbandonato da anni dopo il fallimento della società, restano accatastate all’incirca 80 tonnellate di plastiche e vetro, materiali frutto della raccolta differenziata e altamente infiammabili: a fuoco una parte ci è già andata una volta, nel novembre 2015, provocando un’alta colonna di fumo nero che si è riversata sulla città.  Una discarica a cielo aperto, pericolosissima. Questo è. Le immagini girate in mattinata provano che nulla è cambiato rispetto all’aprile 2016, quando Telerama sollevò il caso, a sei mesi di distanza dal rogo.  Oggi c’è una certezza in più, però: a doversi far carico della bonifica dovrà essere il Comune di Lecce.  È andata a vuoto, infatti, l’ennesima ordinanza con cui venne intimato alla società di provvedere alla messa in sicurezza e al risanamento ambientale: la prima risaliva al 5 ottobre 2010, dopo il sequestro effettuato dieci mesi prima dal Noe; la seconda è arrivata nella primavera 2016. Ma nulla. I rifiuti restano lì, in viale Gran Bretagna, e sono tali da poter far tremare le vene e i polsi ai vicini, alle migliaia di lavoratori della zona industriale e ai cittadini leccesi.  Nel frattempo, dopo anni, qualcosa inizia a smuoversi. Tra Natale e Capodanno, lo studio chimico Cagnazzo di San Pietro Vernotico, incaricato dal Comune, ha consegnato le analisi svolte sul materiale depositato, dopo 16 campionamenti effettuati un mese e mezzo fa. È il primo passo per poter mettere a punto il piano di caratterizzazione in vista della futura bonifica.  Dai controlli è emerso che una parte del materiale, plastica e vetro, è ancora riciclabile, per cui potrebbe essere venduto agli impianti che lo recuperano. Il resto, però, va smaltito in discarica perchè non più riutilizzabile.  Chi paga? L’unica strada rimasta è quella prevista dalla legge: che sia il Comune a farsene carico, rivalendosi sulla proprietà. Il curatore fallimentare ha dato la sua disponibilità a pagare il dovuto, ma solo se e quando riuscirà a vendere gli immobili all’asta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*