Botti di fine anno, pesante il bilancio dei feriti tra ustioni e amputazioni

LECCE – Il bilancio dei feriti della notte di S. Silvestro in provincia di Lecce è pesante. 5 feriti solo nella notte, ma altri sono arrivati negli ospedali anche dopo l’alba.

A preoccupare è soprattutto la gravità delle ferite, con due prognosi riservate. Il caso più preoccupante è quello di un uomo di 40 anni di Botrugno ricoverato in prognosi riservata al ‘Perrino’ di Brindisi per le ustioni riportate sul corpo. Un grosso petardo gli è scoppiato tra le mani e la deflagrazione lo ha investito in pieno volto e agli arti, tanto che ore rischia di perdere un occhio. Sembra stesse maneggiando petardi e polveri da sparo, poi qualcosa non è andata per il verso giusto. Sull’episodio stanno indagando i Carabinieri che subito hanno effettuato una perquisizione in casa e trovato una grossa quantità di materiale esplodente illegale: 212 petardi “non classificati”; una busta con 200 grammi di zolfo; 700 grammi di nitrato di potassio, sostanze utilizzate per il confezionamento delle polveri per i botti, una scatola con 180 grammi di polvere pirica , un cartoccio vuoto per la realizzazione di fuochi artificiali di tipo professionale. Tutto il materiale è stato sequestrato e il 40enne denunciato.

A Corigliano d’Otranto, dopo la mezzanotte, è stato necessario l’intervento del 118 per soccorrere un 33enne di Casarano che a causa dello scoppio di un petardo che aveva tra le mani, è rimasto gravemente ferito alla mano. I medici del fazzi hanno dovuto amputargli una falange.

Nell’ospedale di Gallipoli è ricoverato un uomo di Racale che ha subito una lesione ad un occhio. A Gallipoli, durante i festeggiamenti in città e la tradizionale accensione dei pupi, fantocci che vengono preparati e poi fatti esplodere per salutare il nuovo anno, un uomo di Galatone di 67 anni è rimasto ferito perché raggiunto da una scintilla in un occhio. L’uomo è stato ricoverato ed è in prognosi riservata.

Altri due feriti lievi, sempre nella notte a Tricase e  Taurisano. In mattinata è stato portato al Fazzi un 44enne di Lizzanello ustionato, sempre per lo scoppio di un petardo, alla mano e al braccio.

Nella notte, in Via Siracusa, nella zona 167 di Lecce è stato necessario l’intervento di artificieri, polizia e vigili del fuoco a causa di una bomba carta rudimentale inesplosa lasciata per strada.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*