Sia un Natale inquieto, gli auguri “scomodi” dall’Emporio della Solidarietà

LECCE – Come ogni giorno, qui c’è la fila. Famiglie con i carrelli da riempire, scaffali tra i quali selezionare generi alimentari e non solo da portare a casa. Ma questo è un supermercato speciale: è l’Emporio della Solidarietà della Comunità Emmanuel.

Qui chi non riesce a fare la spesa può farla gratis. Grazie all’impegno dei volontari, grazie alla Protezione civile, grazie alle scuole e ad alcune aziende. E a Natale, come sempre, il bisogno cresce. Per imbandire le tavole di chi da solo non ce la fa. E anche per mettere sotto l’albero qualche giocattolo per i bambini. Gli auguri di Padre Mario sono incisivi, per chi vive sereno senza curarsi di chi ha bisogno: “Sia un Natale inquieto”, riprendendo gli “Auguri scomodi” di Don tonino Bello, per spronare chi è sereno a preoccuparsi anche del prossimo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*