L’acqua nelle vostre case non è potabile: l’annuncio della Regione, lo shock delle famiglie

FRIGOLE – Quell’acqua non è potabile, ma centinaia di famiglie, da 40 anni, l’hanno bevuta e l’hanno usata per scopi domestici. L’annuncio è arrivato così, con questa lettera, agli utenti degli Acquedotti rurali in agro di Lecce e Brindisi. Ce la segnalano alcuni residenti a Frigole, spiegandoci che riguarda anche i cittadini di Borgo Piave. L’ha inviata la Regione Puglia ai residenti, ma anche ai sindaci di Nardò e Lecce e al commissario del Comune di Brindisi. Dal dipartimento Risorse finanziarie e strumentali, serione Demanio e patrimonio, scrivono, come comunicazione urgente:

“Il giorno 30 ottobre 2017, su invito del sindaco di Nardò, il Servizio Beni del Demanio armentizio, ONC e Riforma fondiaria ha partecipato alla seduta della prima Commissione consiliare, avente aoggetto le problematiche relative all’erogazione idrica da parte dell’ex Ersap ad agglomerati urbani siti in località Termite-Pendinello, agro di Nardò. Durante la discussione è emerso che l’acqua fornita attraverso l’acquedotto rurale viene da taluni utenti utilizzata non già per scopi agricolo-industriali, come previsto dal contratto di somministrazione sottoscritto tra le parti, bensì per il soddisfacimento di bisogni personali e familiari. Si ribadisce, pertanto, con la presente, la non potabilità dell’acqua erogata dagli acquedotti rurali Ersap di Lecce e Brindisi, declinando ogni responsabilità che potrebbe derivare dall’uso improprio di dette forniture”.

Lette queste righe, abbiamo chiesto a un cittadino di Frigole, marina di Lecce, se sia a conoscenza del fatto che nei contratti sarebbe specificato che l’acqua che utilizza da una vita non è potabile.

“Non è assolutamente così -dice- nel contratto che ho sottoscritto tra il 1999 e il 2000, non si faceva cenno al fatto che l’acqua non fosse potabile, tant’è che la beviamo da 40 anni! E la paghiamo come potabile anche”.

I cittadini si chiedono che acqua abbiano bevuto e utilizzato fino ad ora, visto che hanno sempre avuto la convinzione che fosse potabile.

Antonio Rotundo ha convocato per domani una delegazione di cittadini e farà loro incontrare il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Delli Noci.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*