Rapine a raffica nei supermercati del Nord leccese, due arresti

CARMIANO- 11 rapine in pochi mesi, nel periodo di giugno, luglio e agosto. Una serie di colpi, uno dietro l’altro, con modalità simili, tanto da indurre i carabinieri di diversi comuni a seguire le indagini insieme, per trovare gli elementi comuni e scovare i responsabili. Alla fine tutti gli indizi sono confluiti su due ragazzi di Carmiano di 26 e 27 anni: Antonio De Luca, portato in carcere, e Alessandro Cirfeta, ai domiciliari. 5 i colpi ai quali i due hanno partecipato insieme, 6 quelli contestati soltanto a De Luca. Il ragazzo, con precedenti per rapina e per questo sottoposto all’obbligo di firma, il 2 agosto scorso ha messo a segno 6 colpi, due tentati e 4 riusciti.

Le rapine, che hanno fruttato poco più di 16 mila euro complessivamente, sono state messe a segno nei supermercati di Carmiano, Copertino, Trepuzzi e Veglie. Ad incastrare i due le immagini riprese da alcune telecamere in una strada di Carmiano. Dopo la prima rapina i due rimangono con lo scooter in panne. Scendono per spingerlo e si tolgono i caschi . De Luca, già noto, viene riconosciuto. I carabinieri della stazione di Carmiano guidati dal luogotenete Gabriele Luperto e quelli della tenenza di Copertino, al comando del tenente Salvatore Giannuzzi, cominciano a indagare insieme sino a trovare i riscontri che hanno portato agli arresti delle scorse ore firmati dal gip Carlo Cazzella su richiesta del pm Francesca Miglietta per rapina in concorso. I due agivano sempre armati di una pistola e a bordo di uno scooter o di una vespa, mezzi ai quali coprivano le targhe con giornali e lenzuola. Soggetti altamente sospetti per chiunque quindi, da qui l’invito dei carabinieri a collaborare. I particolari dell’operazione sono sttai illustrati nel comando provinciale di Lecce dal comandante del Reparto Operativo Domenico Montemurro e dal comandante del Nucleo Investigativo Paolo Nichilo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*