Xylella, nuovo monito Ue: “l’Italia abbatta gli ulivi malati o sarà disastro”

PARIGI- “L’Italia abbatta gli ulivi infetti o sarà un disastro”: l’appello arriva dal commissario Ue alla Salute Vytenis Andriukaitis, nel giorno dell’adozione a Parigi di una road map di dieci Stati europei per combattere il batterio xylella. “La collaborazione del governo italiano con la Commissione europea – ha detto – è molto stretta. Ci sono stati progressi, ma bisogna fare di più”. Andriukaitis ha salutato le “misure molto rigorose” messe in campo dalle autorità italiane con l’appoggio di Bruxelles. Ma – ha avvertito – l’Italia “deve fare di più per abbattere gli ulivi infetti sennò le conseguenze economiche saranno disastrose”.
Nelle conclusioni del vertice parigino i dieci Paesi firmatari, tra cui l’Italia, definiscono la xylella una delle “più gravi minacce fitosanitarie mondiali. Lo status di quarantena e l’approccio precauzionale per prevenire nuovi focolai e la propagazione in seno all’Unione sono cruciali”.

Presenti Francia, Italia, Croazia, Cipro, Germania, Malta, Portogallo, Slovenia, Spagna, Grecia, assieme, appunto, all’esecutivo Ue e a un delegato dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa).
La tabella di marcia adottata a Parigi si articola su tre assi fondamentali: miglioramento delle conoscenze con il sostegno ai programmi di ricerca applicati nonché la rapida individuazione di un laboratorio di riferimento Ue e lo scambio di buone pratiche fra Stati membri, il rafforzamento della sorveglianza per garantire l’individuazione precoce e l’eradicazione di nuovi potenziali focolai, il rafforzamento di operazioni di sensibilizzazione e informazione su larga scala di addetti ai lavori e cittadini.
I firmatari si impegnano inoltre, a ogni livello, a mettere in campo le necessarie risorse umane e finanziarie. Ora si attende il consiglio Agricoltura Ue che si riunirà a gennaio a Bruxelles.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*