Ricavi non dichiarati per 2 milioni di euro: sigilli ad un appartamento a Lecce

LECCE- Due rappresentanti legali di una società di call center e di locazione di immobili ad uso turistico non avrebbero presentato alcuna dichiarazione dei redditi per gli anni dal 2013 al 2015. Sono stati denunciati dai finanzieri della Compagnia di Manduria, che hanno messo i sigilli anche ad un appartamento nel cuore di Lecce. I ricavi non dichiarati ammontano a 2 milioni e 46mila Euro, ai quali si aggiunge l’Iva evasa per 440mila Euro. Il decreto di sequestro preventivo di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, per un ammontare complessivo di 666.000 Euro, è stato egeuito nella prima mattinata. Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip del Tribunale di Taranto Giuseppe Tommasino ed è scaturito da una verifica fiscale. Oltre all’appartamento leccese, sono stati sequestrati due B&B, ispitati in una villa e in un appartamento nel centro storico di Mamduria, oltre ad appezzamenti di terreno, sempre nel Tarantino.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*