Filobus, l’idea del rettore: invece di dismetterli, creare linea unica per l’università

LECCE – Un’idea che potrebbe coniugare l’esigenza di smantellare il filobus manifestata dal sindaco Salvemini e condivisa da molti, con quella di creare un sistema di trasporto efficiente per l’università. È direttamente il rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara a proporla: “Invece di dismetterli, si potrebbero riservare tutti i mezzi filobus per creare una sola linea dedicata a collegare la città con il plesso universitario”.

“I mezzi pubblici che al momento collegano la città di Lecce con il complesso universitario Ecotekne non sono né sufficienti né funzionali per soddisfare il numero di cittadini e soprattutto di studenti che ogni giorno si spostano dalla provincia e dalla città per raggiungere il campus -spiega Zara- Tanti sono stati nel tempo i progetti per rendere i collegamenti più pratici ed agili tra la città e la zona universitaria extraurbana, ma nessuno è mai stato pienamente realizzato. Oggi è possibile associare questa esigenza del territorio a quella del Comune di Lecce di trovare una soluzione all’annoso problema filobus. In un’ottica di mobilità più efficiente e capace di erogare servizi più flessibili, invece di dismetterli, si potrebbero utilizzare i filobus per creare una sola linea dedicata a collegare la città con il plesso universitario. Il percorso del filobus, ricalcando parzialmente quello dell’attuale linea 27, potrebbe toccare solo la stazione, le porte di accesso al centro storico su Viale dell’Università ed il terminal dei bus extraurbani e per l’ aeroporto per poi dirigersi ad Ecotekne, senza interferire minimamente con la restante area del centro storico. In questo modo il transito sarebbe essenzialmente limitato a parte dell’anello esterno della città, su strade larghe che ne consentirebbero una facile gestione meccanica. Si realizzerebbero così, oltre al collegamento tra i più importanti plessi universitari, anche collegamenti frequenti tra punti chiave della città”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*