“Vivo per strada e nelle campagne”: la storia shock di Emanuele, cacciato da casa all’età di 12 anni

CASTRI’- Mandato via da casa all’età di 12 anni, Emanuele si è ritrovato a vivere per strada e nelle campagne vicine a Castrì. Fortuito l’aiuto di qualche amico o conoscente, ma del resto la sua mamma e i parenti sembra che non abbiano voluto più aver a che fare con lui…Per quale motivo? Non è facile comprenderlo. Emanuele dice che sua mamma abbia preferito il suo fratellastro a lui, nonostante avesse anche un problema di salute abbastanza importante e che solo oggi gli ha dato la possibilità di percepire una pensione minima. Ora, all’età di 33 anni,  lui confessa di non provare nulla per sua mamma, che del resto non definisce tale. Vorrebbe solo un appartamento in cui vivere con dignità e, attraverso l’aiuto dei suoi legali, riuscire ad ottenere sia gli alimenti che  il risarcimento danni di un’intera vita.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*