Coppia sotto sfratto a Oria, i servizi sociali: “rivolgetevi a noi”

ORIA- La loro storia è stata raccontata su questi schermi: Lucia e Francesco, due coniugi di Oria, disoccupati e con due figli a carico, di cui uno disabile, sono a rischio sfratto, per non aver pagato sei mesi di arretrati per complessivi 1400 euro. Entro il 31 ottobre, come hanno detto, saranno costretti a lasciare l’appartamento in via Monte Rosa, dove vivono da tre anni.

Non un appello caduto nel vuoto: nelle scorse ore, si è riunito il gruppo di lavoro che segue la famiglia da qualche anno nell’ambito dei Servizi sociali del Comune.

E dalla responsabile del Settore, Danila Ciciriello, arriva un controappello alla “massima collaborazione e partecipazione”, dato che, come spiega, “il servizio ha continuato sempre a monitorare e sollecitare la famiglia anche mediante altre reti a loro maggiormente vicine, vista l’impossibilità a contattarla nelle diverse occasioni, soprattutto non vedendola accedere al servizio da diverso tempo. Un anno con esattezza“. Eppure, per ridurre il rischio e l’emarginazione sociale gli strumenti ci sono: interventi di natura socio-economica ed educativa, rimborso libri di testo, doposcuola comunale, trasporti nei diversi presidi anche sociosanitari, avvisi tipo agevolazioni canone di locazione, bonus Enel e gas, le misure Sia-Red.

“I servizi sociali del Comune di Oria – rimarca Ciciriello – non lavorano stando dietro ad una scrivania. Escono in strada, ricercano e rintracciano il bisogno. Ma oggi, preme anche, far luce, sul tema della responsabilità individuale”. Ad oggi, infatti, non ci sarebbe alcuna comunicazione ufficiale né alla famiglia né al Comune sullo sfratto avviato, nessun provvedimento cartaceo, per lo meno, per le vie istituzionali. Se dovesse arrivare, “il servizio sarà informato dall’autorità giudiziaria” e si dice pronto ad attivarsi tramite il “fondo per morosità incolpevole”. Anche per questo si chiede alla famiglia di bussare alla porte del Comune.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*