#tiamodavivere: sit-in e video tributo per Noemi

SPECCHIA- La triste vicenda di Noemi Durini ha toccato non solo Specchia ma il resto del Salento e dell’Italia intera. Un epilogo atroce che mai nessuno avrebbe immaginato, eppure è successo. Scomparsa lo scorso 3 settembre è stata ritrovata seppellita nelle campagne di Castrignano ieri  pomeriggio, dopo la confessione del suo stesso ragazzo, da cui aveva paura di prendere le distanze.

Una fine che probabilmente si sarebbe potuta evitare, ma che oggi ritrova tutti sgomenti davanti a un punto interrogativo “perchè?”. Nel frattempo sono diverse le iniziative di alcuni studenti, sia in piazza Prefettura a Bari che nel resto delle città salentine, uniti dall’hashtag “ti amo da vivere”:  “Non si può morire amando -sottolineano- e non si uccide mai per amore. Si uccide perchè esistono ancora modelli relazionali di stampo patriarcale”. “L’omicidio di Noemi  – concludono in una nota – è solo l’ultimo di un elenco troppo folto di stupri e femminicidi che richiamano schemi di una feroce sopraffazione”. Tanto il dolore, tanta la rabbia. Si vorrebbe riuscire a dare una spiegazione, ma al momento le parole sono vane. Da qui l’idea di ricordare la piccola Noemi in semplici gesti e con un semplice video sulle note “Gocce di Memoria”:

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*