La Taranta nel segno della pace, conto alla rovescia per il Concertone

MELPIGNANO- Melpignano in fermento per l’atteso Concertone della Notte della Taranta, all’insegna del tema della pace e della lotta al terrorismo. “Noi sosteniamo con tanta determinazione la manifestazione della Notte della Taranta perché, lo diciamo chiaramente, abbiamo ancora la pretesa di cambiare il mondo. Le sfide che la Notte della Taranta lancia  sono tantissime – ha affermato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – Prima ha cominciato a rieducarci alla bellezza e all’ospitalità. Adesso che è una delle più grandi manifestazioni d’Europa, in un momento storico come questo, diventa anche modo attraverso il quale mettere a punto un modello di sicurezza per questi grandissimi eventi. Tutto questo il destino ce lo mette davanti e noi lo affrontiamo con una straordinaria organizzazione, con una passione grandissima e con un’ospitalità di popolo che considera questo evento il proprio orgoglio”.

Le luci dell’atteso Concertone si accenderanno sabato 26 agosto dando inizio a uno degli spettacoli più attesi dell’estate salentina, diretto quest’anno dal maestro concertatore Raphael Gualazzi, con al fianco diversi ospiti nazionali e internazionali, tra cui:  Gregory Porter, Suzanne Vega, Tim Ries, Yael Deckelbaum, Pedrito Martinez, Gerry Leonard,  Lyron Meyuhas, Boomdabash e  l’ètoile Nicoletta Manni.

“Credo che sia davvero una grande esperienza di comunità quella che è stata vissuta in questo mese – ha detto l’assessore all’industria turistica e culturale della Regione Puglia Loredana Capone – Un’esperienza che ha coinvolto tutto territorio, e che vede l’identità fatta di paesaggi, di cultura, di storia, di musica, di ritmo di danza come una tradizione che si espande e si apre alla condivisione con altri popoli, altre persone, e artisti provenienti da tutto il mondo. Tutto culminerà domani con il concertone, in questa bellissima serata che vedrà qui a Melpignano tante presenze internazionali rilevanti. È turismo, è cultura, ma è anche una capacità di essere in un clima sociale di pace, di sentirsi musica, di sentirsi ritmo, di sentirsi nella poesia dello stare insieme”.

Ricordiamo che quest’anno si potrà raggiungere Melpignano lasciando l’auto a casa: sono oltre 12mila, infatti, i posti offerti da Ferrovie del Sud Est per raggiungere a bordo di treni e bus la manifestazione, già a partire da sabato pomeriggio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*