La lunga notte di San Rocco, il ritmo della devozione

TORREPADULI – Nell’antica e magica frazione di Ruffano il Concertone della Notte di San Rocco di Torrepaduli, non smette mai di sorprendere e si riconferma ogni anno un appuntamento imperdibile intriso di storia, magia e tradizione. La Fondazione Notte di San Rocco di Torrepaduli organizza un evento in cui fede e tradizione, cultura e devozione rivivono in uno degli appuntamenti più attesi dell’estate salentina.

E’ proprio qui che a conclusione delle festività in onore del Santo ( dal 14 al 17 Agosto) si tiene il Concertone della Notte di San Rocco, un grande evento che abbiamo trasmesso in diretta tv su Tele Rama e Tele Salento, oltre che sulle frequenze di Radio Rama. Numerosi ospiti quest’anno sul Palco, a condurre la serata Rosaria Ricchiuto affiancata dal neo direttore artistico Vincenzo Santoro.

In apertura, proiettata la ‘parte pugliese’ del  Sentite buona gente,  uno spettacolo sulle musiche tradizionali d’Italia, a seguire “Giovani reinterpretano la tradizione”. Lo spettacolo di apertura della serata è stato affidato a un gruppo di giovani ripropositori della musica di tradizione orale: i “Mandatari” con i loro brani “tarantellosi”.

La serata continua poi con Il Salento nel Mediterraneo: Eugenio Bennato con Pietra Montecorvino e il gruppo del Burkina Faso. A concludere il Progetto Puglia,portato in scena dal Canzoniere Grecanico Salentino guidato da Mauro Durante. Tre brevi intermezzi saranno portati in scena dal Violinista Vittorio Ciurlia con il Fisarmonicista Leonardo Cordella ed il Tamburellista Marco Preite con la voce di Cinzia Marinosci e la pizzica ballata dal Maestro Romolo Crudo con Marilena Martina, Mihaela Coluccia, Eva Croce e Lidia Cuppone.

Grande attenzione è stata rivolta alla danza dei coltelli e ad un tipo particolare di pizzica detta “a scherma” con esibizioni mozzafiato: a poetare in scena i Fratelli Rinaldi.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*