Rubinetti a secco a Porto Cesareo, residenti e villeggianti esasperati: “Aqp si dia da fare”

PORTO CESAREO- Prima i black out continui con danni rilevanti soprattutto alle strutture ricettive e commerciali, ora i rubinetti a secco: estate senza pace a Porto Cesareo, dove residenti e villeggianti sono esasperati dalla mancata erogazione idrica e chiedono un intervento senza indugi da parte di Aqp. In questa giornata, l’acqua è ritornata ma solo per poche ore e già da metà pomeriggio la situazione è ritornata difficile: erogazioni col contagocce e in alcune aree addirittura assenti.

“Il flusso continua ad essere ridotto nonostante i continui solleciti telefonici e gli interventi di manutenzione effettuati sino ad ora – conferma il sindaco Salvatore Albano -. Paghiamo lo scotto di un flusso turistico superiore a quello degli anni passati, di un consumo reale superiore a quello ipotizzato, e quindi di una previsione decisamente inadeguata rispetto alle esigenze del territorio da parte degli Enti preposti all’erogazione dei servizi. E’ bene che ognuno si assuma le proprie responsabilità e tragga le conclusioni per una risoluzione definitiva del problema”.

In mattinata, Albano ha inviato una lettera al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, AQP ed AIP “per illustrare loro la situazione di carenza di acqua che si ripete ormai da anni, e che per la stagione estiva in corso risulta maggiormente evidente”.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*