Travolse e uccise un ciclista, carcere a vita per un 35enne di Casalabate

CASALABATE- Sarà carcere a vita per Andrea Taurino, il 35enne che il 22 gennaio 2016 travolse e uccise il ciclista 67enne Franco Amati, leccese, conosciuto come “mesciu Franco”, a Casalabate. Il verdetto in mattinata nell’aula bunker del carcere: il gup Vincenzo Brancato ha condiviso la richiesta di pena avanzata dal pm Giovanni Gagliotta. A carico del giovane di Casalabate l’accusa di omicidio volontario aggravato dall’uso di sostanze stupefacenti. Dovrà pagare anche una provvisionale di 25mila euro a carico di ciascuna delle parti civili costituitesi in giudizio. Risponde, inoltre, di tentato omicidio e lesioni personali aggravati per il ferimento del secondo ciclista amico di Amati, Ugo Romano.
Andrea Taurino fu arrestato dopo qualche ora dai carabinieri per omicidio volontario. I testimoni raccontarono di come l’uomo travolse volontariamente i due in sella alla bici, buttandoli fuori strada con l’auto che fu rintracciata dopo le indagini.
Il pm Giovanni Gagliotta aveva chiesto l’ergastolo più 18 mesi di isolamento diurno. L’imputato, dal giorno dell’arresto, non ha mai lasciato il carcere. L’avvocato Antonio Savoia aveva chiesto l’assoluzione dal reato di omicidio volontario e la derubricazione in omicidio colposo e l’assoluzione dal reato di oltraggio a pubblico ufficiale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*