Il Lecce ha deciso: è Rizzo l’allenatore della prossima stagione

Il direttore sportivo del Lecce Mauro Meluso. Al suo fianco, il tecnico Rizzo

LECCE – (di Tonio De Giorgi) Ora è ufficiale: è Roberto Rizzo il tecnico che guiderà il Lecce nella prossima stagione. L’allenatore di San Cesario ha strappato la fiducia alla società giallorossa. Quello che sembrava essere il principale candidato a guidare la formazione leccese nel prossimo campionato di Lega Pro, ha guadagnato definitivamente ampio consenso raggiungendo l’accordo con il sodalizio di via Colonnello Costadura. L’accordo è stato ufficializzato lunedì pomeriggio sul sito ufficiale della società giallorossa.  Il tecnico giallorosso ha sottoscritto un accordo annuale con rinnovo automatico in caso di promozione in Serie B. Con Rizzo in panchina il Lecce dovrà dare l’assalto alla serie B per il sesto anno consecutivo da quando è stata retrocessa d’ufficio nella vecchia serie C. Un’esperienza breve, ma intensa ed efficace. Perché ha permesso al tecnico di San Cesario di strappare consensi non solo nella dirigenza, ma anche nei calciatori. Una gestione diversa da quella precedente, che ha rinvigorito la squadra ormai impantanata sotto tutti i punti di vista, soprattutto quello mentale. La sterzata data dalla società di via Colonnello Costadura ha avuto i suoi effetti e se la lotteria dei calci di rigore fosse stata più fortunata (ma non solo quelli se si ripensa ai tempi regolamentari e supplementari), in casa Lecce ogni discorso riguardante il futuro sarebbe stato rimandato. Invece, è stata annunciata la prima decisione ufficiale della nuova stagione, ovvero il nome dell’allenatore che da luglio guiderà il Lecce ad un nuovo assalto alla serie B. Dopo l’eliminazione ai quarti di finale la candidatura di Rizzo è stata caldeggiata da più parti. E dalle stanze della società di via Colonnello Costadura non sono stati fatti tanti misteri su una possibile conferma dell’allenatore salentino. E dal diretto interessato non c’è stata mai una chiusura. La breve esperienza dell’ormai passata stagione è rimasta un’incompiuta. Adesso che è stata ufficializzata la sua riconferma sarà forte, quindi, il desiderio di una rivincita immediata, ponendo le basi fin dall’inizio e potendo contare anche su una campagna acquisti ben ponderata. Con qualche ritocco la squadra giallorossa può migliorare la posizione della scorsa stagione e ottenere finalmente l’agognato ritorno in serie B. Il lavoro fatto la scorsa estate dal direttore sportivo Meluso va soltanto migliorato e rifinito con acquisti mirati che potranno rendere più competitiva la formazione leccese seconda ad un Foggia che ha assestato i colpi decisivi al momento giusto. Con Rizzo al timone della squadra lo staff tecnico potrebbe completarsi con l’arrivo di Primo Maragliulo, ex calciatore del Lecce. I due hanno lavorato insieme sulla panchina della Virtus Lanciano dove Maragliulo era l’allenatore e Rizzo il suo vice. Adesso i ruoli saranno invertiti, ma il probabile arrivo di Maragliulo è una precisa richiesta di Rizzo. Sistemata la questione allenatore il direttore sportivo Meluso avvierà la campagna trasferimenti della nuova stagione. In agenda anche la questione riguardante il portiere Perucchini. L’estremo difensore torna al Bologna, ma con la società felsinea c’è l’accordo sulla parola per un suo ritorno a Lecce, probabilmente a titolo definitivo. La posizione del portiere andrà rivista nei prossimi giorni come pure quella si Sasà Caturano. L’attaccante è di proprietà del Bari, ma il Lecce può far valere un diritto di riscatto versando nelle casse della società barese circa duecento mila euro. L’attaccante di Scampia non ha intenzione di muoversi da Lecce; il club giallorosso, invece, farà un notevole sforzo economico per riscattarlo sperando che la prossima sia una stagione migliore di quella appena messa alle spalle.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*