Operazione Dèja-vu, al via il processo d’appello

LECCE- Con la requisitoria del pm Nicola D’amato si è aperto oggi nell’aula Bunker di Lecce il processo d’Appello nato dall’operazione Vortice Dèja vu con la quale i carabinieri del Ros e del Nucleo Investigativo di  Lecce smantellarono l’organizzazione criminale ruotante intorno ai fratelli Pellegrino di Squinzano. Un’udienza che è stata aggiornata al prossimo 5 luglio, quando ci saranno le richieste di condanna per gli altri imputati. Oggi il pm ha chiesto la conferma delle condanne per i primi cinque, procedendo in ordine alfabetico: Gianluca Candita, 44enne di Torchiarolo ( 14 anni e 4 mesi), Alessandra Bruni, 25 anni di Squinzano ( 4 anni e 6 mesi)Vincenza Carone, 57 anni di Mesagne (4 anni), mentre per Saida Bruni, 22 anni di Squinzano, sono stati invocati 9 anni a fronte dei 6 anni e 4 mesi inflitti in primo grado. Gli imputati sono in tutto 55. Tra questi Antonio e Patrizio Pellegrino, Sergio Notaro. Nel processo in primo grado le condanne furono per circa 4 secoli di carcere complessivi. Le accuse sono diverse: traffico internazionale di stupefacenti, estorsione e usura. Del collegio difensivo fanno parte, tra gli altri, gli avvocati Cosimo Castrignanò, Giancarlo Dei Lazzaretti, Ladislao Massari, Benedetto Scippa, Antonio Romano, Patrizia Ciccarese.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*