Lite in stazione, fermato l’autore della violenta aggressione. Rafforzati i controlli

LECCE- Non resterà impunita la violenta aggressione del 23 maggio scorso nel piazzale della stazione: dopo giorni di indagini serrate, è stato fermato il presunto autore. Era nei pressi del Sert di Lecce e si tratta di Halil Berisa, montenegrino di 37 anni, senza fissa dimora. Al contempo, la Questura ha annunciato un giro di vite sui controlli in zona a partire dalla prossima settimana, lì in quella che è stata definita come “terra di nessuno”.
La Squadra Mobile e il personale del Posto di Polizia Ferroviaria, grazie anche alle indicazioni di un testimone, avevano individuato Berisa sin da subito come colui il quale, a seguito di un diverbio, aveva colpito un altro cittadino straniero con un violentissimo pugno, tale da far cadere la vittima per terra, priva di sensi. Da allora, non si è più ripresa: sottoposta ad un delicato intervento chirurgico alla testa, è tuttora in prognosi riservata al Vito Fazzi di Lecce.

Berisa sapeva di essere in trappola. E per questo ha cercato di nascondersi. È stato stanato. Noto, secondo la Questura, per essere persona con indole di natura violenta, è stato quindi sottoposto a fermo d’indiziato di delitto, visto il reale e concreto pericolo di fuga, per il reato di lesioni gravi. Ora è in carcere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*