Grossa spesa di elettrodomestici con documenti falsi: arrestato

LECCE- Un televisore da 49 pollici, tre i-Phone e tre telefoni cellulari dual sim, per una spesa totale di 3.540,00 Euro, più 120,00 per estendere la garanzia dei prodotti.  Ma l’acquirente era un truffatore, ed i documenti con cui accendere un finanziamento, falsi.  Tentata truffa nel negozio di elettrodomestici della catena “Euronics” in viale Grassi, a Lecce.

Un uomo, dopo aver accuratamente scelto gli oggetti da acquistare facendosi dare numerosi consigli dall’addetto al reparto, ha preso i prodotti e poi, documenti alla mano, si è presentato all’addetto ai finanziamenti. Questi si è subito accorto che i documenti fossero probabilmente falsi. L’uomo aveva infatti esibito una busta paga contraffatta intestata ad un avvocato realmente esistente, una carta di identità originale intestata allo stesso legale ma con la foto del truffatore, ed una tessera sanitaria contraffatta, anche questa intestata al professionista. I poliziotti della Squadra Mobile, intervenuti a seguito di richiesta effettuata sul numero di emergenza “113”, hanno accertato che l’uomo non era il professionista le cui generalità comparivano sui documenti. La necessaria perquisizione domiciliare effettuata dai poliziotti ha permesso di rinvenire, in un cassetto, una carta di identità intestata ad una leccese che ne aveva denunciato il furto nell’ottobre del 2016 ed una patente di guida intestata ad un leccese, che era stata smarrita sempre a ottobre. L’uomo, un cinquantunenne residente in provincia, incensurato, è stato arrestato in flagranza di reato per possesso e contraffazione di documenti di identificazione falsi, ricettazione e tentata truffa, e sottoposto agli arresti domiciliari.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*