Minerva indagato per abuso d’ufficio: sono sereno, chiarirò la mia posizione

GALLIPOLI- Un avviso di garanzia per il sindaco di Gallipoli Stefano Minerva per la vicenda che riguarda le presunte irregolarità nel concorso sulla nomina del nuovo comandante della Polizia Municipale. L’inchiesta è in mano al Pm Paola Gugliemi e ha preso il via dopo tre esposti presentati dal vice comandante Giuseppe Parisi che denunciavano presunte irregolarità nell’iter seguito. Secondo le denunce sarebbe stata favorita un’altra candidata, paola vitali. La notizia dell’indagine e dell’iscrizione nel registro degli indagati del Primo cittadino di Gallipoli era già nota. Ora c’è solo l’ufficialità, con l’avviso di garanzia ricevuto dal sindaco e la sua presa di posizione pubblica rispetto alla vicenda: “Sono appena stato informato e ho preso atto di un’informazione di garanzia da parte del P.M. dott.ssa Paola Gugliemi- dice Minerva– E’ un atto dovuto da parte della Magistratura in merito alle vicende recenti con il dipendente Parisi, da cui ho ricevuto ben tre denunce. Voglio essere io ad informare in anticipo ed in modo esatto i cittadini prima che voci di corridoio trasformino la realtà”.Il sindaco, per il quale l’accusa ipotizzata è di abuso d’ufficio, si dichiara estremamente tranquillo e certo della trasparenza e la legalità delle sue azioni. “Sarà l’occasione- dice Minerva- per fare finalmente chiarezza sulla vicenda. Nei giorni scorsi dal comune erano stati acquisiti i bandi il nuovo incarico, le delibere sindacali e le domande. Secondo Parisi, già vicecomandante, il concorso invece non ci sarebbe dovuto essere e il posto sarebbe dovuto essere suo. Così non è invece secondo il primo cittadino: “Parisi, non essendo laureato, non ha i requisiti per diventare comandante. Insieme al sindaco hanno ricevuto l’avviso di comparizione anche l’assessore vincenti, il segretario generale dottor ria. Tutti e tre per un interrogatorio davanti al pm.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*