Asl Lecce, il “no” del Servizio Igiene dirimente per il parere sfavorevole alla discarica Parachianca

doc cantina salice

LECCE- Il “no” del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della Asl Lecce è stato dirimente per giungere al parere sfavorevole sulla discarica Parachianca, espresso recentemente dalla Conferenza dei servizi. Alla conferenza decisoria ha partecipato la dr.ssa Teresa Alemanno, delegata dal direttore Alberto Fedele, evidenziando che la documentazione presentata dalla società proponente “non è esaustiva”.

E’ mancato all’appello, infatti, il monitoraggio ex ante annuale della falda, richiesto per poter esprimersi compiutamente rispetto alla valutazione dell’Impatto Ambientale (V.I.A.) e dell’eventuale rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.).

Per il Servizio Igiene, infatti, lo studio della qualità delle acque di falda nel sito specifico era conditio sine qua non per fornire il parere richiesto, mentre il proponente ha proposto dati relativi a pozzi vicini, in un raggio di 2 km circa.  Bisogna ricordare, poi, che il Dipartimento di Prevenzione della ASL Lecce è impegnato direttamente proprio sul fronte ambientale e, in particolare, del monitoraggio delle acque di falda del Salento attraverso il Progetto MINORE. Per cui la mancanza dei dati richiesti, assieme alla circostanza che nell’area interessata siano presenti masserie ristrutturate e con capacità ricettiva, ha reso evidente il potenziale rischio sanitario connesso ad un intervento così impattante come può essere una discarica per rifiuti speciali non pericolosi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*