Cronaca

Spari contro la casa della madre di un pregiudicato: arrestato 38enne

SAN VITO DEI NORMANNI- A  sparare quei sei colpi contro l’abitazione della madre di un pregiudicato è stata la stessa pistola con cui, il 26 luglio scorso, Antonio Di Cataldo è stato ucciso dal padre durante una lite famigliare. È stato questo dettaglio scovato dai Ris, unito alle immagini delle telecamere di videosorveglianza, a incastrare Giuseppe Diamante, 38 anni, mesagnese residente a Latiano già noto alle forze dell’ordine. È stato arrestato arrestato dai carabinieri di San Vito dei Normanni come complice dell’intimidazione ai danni della donna, episodio risalente al 31 maggio 2016 e da ricondurre alle vicende giudiziarie del figlio di lei. Per Diamante, che faceva da palo all’amico Antonio Di Cataldo, le accuse sono di danneggiamento, ricettazione, detenzione e porto illegale di armi clandestine. L’arresto è stato eseguito in seguito all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Brindisi, Stefania De Angelis, su richiesta del pm Pierpaolo Montinaro.

Articoli correlati

Fine delle ricerche per Antonietta Arcuri, trovata morta la 76enne tarantina

Redazione

Racale, piromane colto in azione: arrestato

Redazione

ZES, preoccupazioni di Confindustria

Redazione

Movida e sicurezza estiva, vertice in prefettura

Redazione

Abbattuto il “bagolaro” di Specchia. Per salvarlo erano state raccolte oltre 22mila firme

Redazione

Precipita dalla scogliera, salvata una ventenne

Antonio Greco