Renzi e Bellanova a sorpresa a Taranto incontrano lavoratori Ilva. Il Pd ionico: “Vergogna”

TARANTO- All’indomani della Calabria, la Puglia. Matteo Renzi questa mattina a Taranto, per un incontro con i lavoratori dell’Ilva e  il viceministro dello Sviluppo Economico Teresa Bellanova . A dare la notizia è lo stesso ex premier con una foto del mare tarantino pubblicata su Instagram.

Al confronto, organizzato da Bellanova, erano presenti i segretari generali di Fim, Fiom, e Uilm, Valerio D’Alò, Giuseppe Romano e Antonio Talò, insieme ad alcune Rsu dello siderurgico tarantino. “Tra i punti trattati – è detto in una nota dei sindacati – la valutazione della possibilità di effettuare rilievi mirati al riconoscimento del danno sanitario che sia in linea e derivato dai nuovi piani ambientali; applicazione in toto dall’Aia, rielaborata, e solo in versione migliorativa, in relazione ai nuovi piani ambientali”. Ed ancora: “l’analisi dei percorsi possibili relativi alle bonifiche di amianto e soprattutto ai possibili riflessi a beneficio dei dipendenti; il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e il riconoscimento di adeguati ammortizzatori sociali per accompagnare il percorso di ambientalizzazione e di fermate temporanee degli impianti come riportato nell’accordo del 27/02/2017”.

” Non abbandoniamo i lavoratori di questa realtà così importante”, ha scritto Renzi. Fiom, Fiom e Uilm ritengono “indispensabile un continuo confronto con il governo e con i commissari straordinari e ribadiscono la necessità che il governo garantisca la tutela dell’ambiente, della salute dei cittadini del territorio ionico e dei lavoratori di Ilva ed il mantenimento dei livelli occupazionali”.

 

«Vergognati di non avvisare il partito». È la replica a Renzi, giunta via Twitter, del coordinatore del Pd tarantino, dopo la visita a sorpresa in città per incontrare i lavoratori Ilva. Costanzo Carrieri, reggente del Pd provinciale dopo il commissariamento e attualmente in quota Emiliano, lamenta, infatti, di non essere stato avvertito.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*