CronacaPolitica

I 5 Stelle puntano il dito contro il Comune: non partecipa al progetto della Lilt

CAVALLINO- I portavoce del MoVimento Cinque Stelle eletti nei consigli comunali hanno invitato le rispettive Amministrazioni a realizzare quanto prima una mappa dei siti in cui potrebbero essere interrate sostanze pericolose, e quindi a prevedere nel Bilancio un capitolo di spesa per l’individuazione di sostanze inquinanti nel territorio comunale; oltre che ad aderire a GENEO, il progetto di ricerca scientifica presentato dalla LILT. L’adesione prevede un impegno di spesa di 1.500 €. Il consigliere Portavoce a Cavallino Giampaolo Falco punta il dito contro il proprio Comune, che non ha al momento ancora aderito. Proprio dove “Nemmeno a farlo apposta -dice- hanno sede le due discariche che dai primi anni 2000 ad oggi hanno accolto i rifiuti dei Comuni a Nord della Provincia di Lecce, compreso il capoluogo. Siamo pronti -conclude- a scendere in piazza per manifestare il nostro dissenso”.

Articoli correlati

A Leverano ordigno contro un caseificio. Danneggiato l’ingresso

Redazione

Galatina, 54enne accoltellato sotto casa: un arresto per tentato omicidio

Redazione

La torta delle Commissioni, aumenta il mal di pancia

Redazione

Rubato un bancomat a Zollino, “Noi cittadini vogliamo organizzare le ronde”

Redazione

Investita donna a Lecce: non è grave. Ma ennesimo caso in città

Redazione

Il Tar dà ragione a Forza Italia: Ciracì torna Presidente del Consiglio

Redazione