Il nuovo Pug va avanti: recepito in Giunta, ora tocca al Consiglio comunale

LECCE- Il Pug del Comune di Lecce fa un altro passo in avanti: è stato recepito in giunta, riunitasi in mattinata. Assenti per inconpatibilità il sindaco Paolo Perrone e l’assessore al Bilancio Attilio Monosi. Il documento che delineerà il futuro urbanistico della città dovrà approdare ora in Consiglio Comunale per l’adozione definitiva.

“Questo Pug – dice l’assessore al ramo Severo Martini – non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza perché è uno strumento urbanistico duttile, sensibile alle esigenze di una città che cambia e che in particolari periodi dell’anno deve essere in grado di sostenere il carico abitativo di un numero di abitanti (turisti, pendolari, studenti) superiore a quello ordinario”. Particolare attenzione alle periferie e alle marine, queste ultime unite da un corridoio ecologico lungo la litoranea,  attraverso l’individuazione di un grande parco costiero tra Torre Chianca, Frigole e San Cataldo.

Nelle campagne, saranno potenziare le strutture storiche esistenti, già ristrutturate o da ristrutturare (come masserie), attraverso una normativa tecnica che mira a valorizzare il paesaggio ed il patrimonio storico-architettonico e ad incentivate ricettività e turismo. Nel centro storico, non ci sarà più la differenza normativa che c’era tra una parte del centro storico e l’altra, per quanto riguarda la destinazione d’uso degli immobili. Inserito poi il “protocollo Lecce”, a cui tutte le ristrutturazioni, i risanamenti o nuove costruzioni all’interno dei tessuti storici e consolidati dovranno fare riferimento, uno strumento operativo per la progettazione sostenibile e la compatibilità energetico-ambientale degli edifici.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*