Presidente Arcigay aggredito in piazza: “Nessuno ha mosso un dito per difendermi”. Boldrini: “Subito legge su omofobia”

TARANTO- Aggredito e umiliato in piazza davanti a “spettatori divertiti di una novella lotta tra gladiatori“. E’ quanto accaduto sabato sera a Luigi Pignatelli, presidente dell’Arcigay di Taranto.

L’uomo ha denunciato  alla Polizia di aver subito un’ennesima aggressione omofoba da parte di un gruppo di minorenni, mentre era  in piazza Maria Immacolata  per svolgere le attività previste dal ‘Villaggio delle Differenze’,  una manifestazione che vuole sensibilizzare contro MTS, omo-bi-transfobia, xenofobia e violenza sulle donne.

Tutto avrebbe avuto inizio  intorno alle ore 20, al termine della lettura teatralizzata di favole sulla diversità per grandi e piccini. E’ stato in quel momento che un gruppo di ragazzini avrebbe iniziato a inveire contro Pignatelli prima verbalmente e poi fisicamente.  “I passanti non hanno mosso un dito -spiega-   e alla richiesta di chiamare la polizia hanno reagito sghignazzando. In un primo momento -continua Pignatelli– i minorenni hanno fatto razzia dei preservativi e tentato di rubare le penne artistiche che erano sul tavolo, il mio smartphone e il salvadanaio…Non ho escoriazioni né lividi, nonostante i calci e gli schiaffi che mi sono stati inferti, davanti a decine di adulti sistemati a semicerchio dinanzi al banchetto, spettatori divertiti di una novella lotta tra gladiatori”.

Gli unici che lo hanno aiutato sono stati i suoi amici, giunti in suo soccorso dopo aver letto un post su Facebook. Dopo è arrivata anche la Polizia.  “Taranto non è una città omofoba –conclude Pignatelli- L’ho già dichiarato e mai mi stancherò di ripeterlo. Quanto è accaduto poche ore fa mi amareggia, mi dà conferma che tanto lavoro c’è ancora da fare… Per il resto, confido nelle forze dell’ordine…!. Infine con un post su Fb, pubblica la sua denuncia con una sua foto: “Il mio sorriso non si spegnerà”…

…E su questo rammaricante episodio interviene anche la presidente della Camera Laura Boldrini: “Solidarietà al presidente dell’Arcigay di Taranto, vittima di un un vergognoso episodio di violenza. Le differenze sono un valore -conclude- Subito legge su omofobia”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*