118 in tilt: chiedete intervento solo se davvero necessario

LECCE-  “Una marea di chiamate…un delirio”. Così rispondono dal 118 di Lecce, riassumendo quello che sta accadendo nelle ultime ore. Anzi, negli ultimi giorni. Il centralino è in tilt, tutte le ambulanze sono sempre fuori. Gli interventi sono richiesti soprattutto per malori, piccoli incidenti stradali e per le complicanze dell’influenza, dovute al freddo.

Il dott. Maurizio Scardia, responsabile del 118, sottolinea che la situazione è questa dal 20 dicembre. In parte si tratta di vere emergenze e in parte le numerosissime chiamate sono dovute al fatto che i pazienti non trovano risposte dai medici di base, che spesso non riescono a rintracciare. Fino al giorno dell’Epifania, poi, l’utenza si allarga, perché molte famiglie ospitano parenti e amici arrivati da fuori.

“Abbiamo rinforzato il numero degli operatori -dice Scardia- sono sempre almeno quattro, a volte cinque, ma abbiamo comunque difficoltà a rispondere a tutti. Abbiamo chiesto alle associazioni di volontariato di mettere a disposizione un’ambulanza secondaria e la Asl si è fatta carico anche di quest’onere, aumentando le postazioni. Iniziata la settimana lavorativa, poi, con i problemi di percorribilità delle strade dovuti al gelo, si moltiplicano gli incidenti”.  Lui stesso ha fatto interventi con l’auto medica, che è una 4×4 e dunque riesce a camminare sul ghiaccio senza troppi problemi. Infarti e crisi respiratorie sono le emergenze più gravi che colpiscono gli anziani per complicazioni dell’influenza stagionale. Tanti interventi per febbre altissima, oltre i 40 gradi, nei bambini e negli anziani.

L’appello, già lanciato in questi giorni di neve dalla prefettura, è a non richiedere, se non strettamente necessario, l’intervento dell’ambulanza. Gli operatori del 118, anche al telefono, sanno fornire consigli utili per le patologie gestibili da casa.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*