Il M5S si mette in moto in vista delle amministrative: il 14 gennaio prima riunione per scrivere il programma

LECCE- Un primo incontro per scrivere insieme il programma: il Movimento 5 Stelle si mette in moto in vista delle amministrative a Lecce. Dopo la scelta del candidato Fabio Valente, fatta dai meetup lo scorso 27 novembre, per il pomeriggio di sabato 14 gennaio è convocata la prima riunione operativa presso l’Hotel Zenit.
Ci saranno i parlamentari Barbara Lezzi, Daniela Donno, Diego De Lorenzis e Maurizio Buccarella, ci saranno anche i candidati consiglieri inseriti nella lista già inviata allo staff per la certificazione, ma l’incontro è aperto a “tutta la cittadinanza attiva che abbia voglia di contribuire a costruire la Lecce a 5 Stelle”, invitata ad esporre le proprie idee, segnalare problemi o impegnarsi in prima persona.

Non un’assemblea disordinata, quella del 14: saranno predisposti dieci tavoli tematici, in cui ognuno può accedere e discutere su cultura e turismo, attività produttive, ambiente energia e salute, mobilità urbanistica periferie e marine, politiche sociali, trasparenza amministrativa e democrazia partecipata, sport, sicurezza, innovazione tecnologica.Dal M5s fanno sapere che “questo è solo il primo di una serie di incontri che si svolgeranno nelle prossime settimane in città e durante i quali saranno importanti i contributi di tutti i cittadini”.

L’obiettivo è far nascere dal basso il programma di cui sarà espressione il candidato Fabio Valente, professionista 50enne, a capo di un ente di formazione e con alle spalle vent’anni di gestione di una società di software, oltre ad una laurea in Scienze della Formazione. Lo scorso anno, in vista delle elezioni regionali, Valente è risultato il quarto più suffragato in provincia durante le consultazioni online del M5s e alle urne ha collezionato 1.400 voti, di cui la metà solo nel capoluogo. Nel 2013, è stato candidato nel listone per le politiche; l’anno prima, invece, era in lista per le amministrative a sostegno di Maurizio Buccarella, ora senatore.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*