Cronaca

Fondazione Bpp “G.Primiceri”: tutti gli obiettivi raggiunti per migliorare la qualità della vita

LECCE- Obiettivi di affiancamento sociale raggiunti nella valutazione di fine 2016 della Fondazione Banca Popolare Pugliese “Giorgio Primiceri”, che fiancheggia la Banca Popolare Pugliese nelle attività di sostegno e di ricerca orientate verso il miglioramento della qualità della vita nei territori in cui opera.
La Fondazione è stata impegnata, con i suoi organi e le sue risorse, per sostenere, nel corso dell’anno appena trascorso, una serie di iniziative che l’hanno vista partner di Enti e Associazioni per il conseguimento di importanti traguardi scientifici e sociali. Il tutto in adesione ai principi stabiliti dallo statuto dell’Ente.

Particolarmente valido, per le sue implicazioni sociali, il contributo della Fondazione in tre ricerche dell’Università del Salento , la prima su “Povertà ed esclusione sociale: i giovani che non studiano e non lavorano”, curata dal Dipartimento di Storia, Società e Studi dell’Uomo dell’Ateneo salentino; la seconda del Laboratorio Dream, con Università del Salento e ASL di Lecce, su “Monitoraggio delle infezioni nosocomiali – Influenza dei cambiamenti climatici sulla salute umana”; la terza a sostegno dell’attività di ricerca del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali di quell’Ateneo relativa all’immobilizzazione di (bio)materiali che hanno dimostrato di essere idonei per la terapia fotodinamica del cancro.In tutti e tre i casi i risultati degli studi, supportati dalla Fondazione, serviranno ai decisori per adottare le misure più consone nelle politiche del lavoro e della salute.

Ma la Fondazione “G. Primiceri” ha sostenuto anche la ricostruzione di strutture di ricerca nelle zone terremotate del Lazio e delle Marche, l’acquisto di apparecchiature per la ricerca dei rimedi alla Sclerosi multipla, e le iniziative dell’associazione “Cuore Amico” in favore dei bambini svantaggiati.

Interventi in corso d’opera, riguardano, invece, le attività delle Caritas diocesane, sia la Caritas di Gallipoli-Nardò, sia la Casa della Carità gestita dalla Caritas di Lecce, in favore dei poveri e dei senza tetto. La Fondazione ha inoltre partecipato al potenziamento delle dotazioni del reparto di Urologia dell’Ospedale di Casarano e al restauro di un importante dipinto del XVIII secolo nella Rettoria di S. Maria degli Angeli in Lecce. Infine è stato deciso di sostenere il progetto della Direzione della Casa Circondariale di Lecce e dell’Ordine degli Architetti salentini, volto a migliorare la vita delle persone recluse, riedificando gli arredi presenti nelle celle, attraverso un concorso di idee riservato a giovani architetti e agli stessi reclusi che, in una sezione detentiva modello della Casa, realizzeranno i moduli disegnati dai vincitori del concorso. Tutte le attività sostenute nel 2016 hanno comportato finanziamenti per oltre 100.000 euro, “che attestano in maniera concreta l’impegno della Fondazione – come sottolinea il suo Presidente Vito Primiceri – a favorire lo sviluppo economico-sociale e culturale del territorio, sostenendo progetti volti a migliorare la qualità della vita e la coesione sociale delle comunità che lo popolano”.

Articoli correlati

Scontro tra auto, dopo un mese di agonia muore 60enne. La moglie spirò il giorno dopo

Redazione

Malore in acqua, muore 70enne brindisino

Redazione

13 enne violentata nel villaggio turistico? Indagini su un animatore

Mario Vecchio

Maltratta familiari per droga: arrestato 45enne

Redazione

Tragedia nella marina di Pulsano, 70enne muore sotto gli occhi dei bagnanti

Isabel Tramacere

Spaccio di droga: 14 arresti e 17 indagati

Andrea Contaldi