Quest’anno 59 cani in più accolti nel canile sanitario: i volontari lanciano l’allarme

LECCE- A fronte dei 249 cani accolti nel corso del 2015, quest’anno gli ingressi nel canile sanitario di Lecce ammontano a 308. “I luoghi più gettonati d’inverno sono le marine- raccontano i volontari- scelte volontariamente come zone deserte date le basse temperature”.

Lì ad essere lasciati in balia della sorte sono principalmnente cani anziani (anche dagli 8 ai 10 anni) e malati (qualcuno aveva la filaria o la lesmaniosi), altri in perfetto stato di salute. Nei cartoni, quasi a dire di non averle lasciate totalmente allo sbaraglio in mezzo alla strada, intere cucciolate rigorosamente di meticci: nella maggior parte dei casi i piccoli erano già svezzati, ma non essendo di razza pura non avrebbero rappresentato fonte di guadagno per un’eventuale vendita.

L’ultimo abbandono di un’intera cucciolata risale a circa una settimana fa. Qualcuno è stato gettato nel canale, qualcuno è stato scaricato sul ciglio della strada e con lo sguardo il suo padrone sembra cercarlo ancora. Gli 11 cani sequestrati lo scorso 12 novembre perchè maltrattati in un’abitazione privata a San Ligorio, dove ad incastrare il proprietario è stato un video shock pubblicato sul web, sono ancora tutti qui.

Il caso più eclatante, quello di Dino, ridotto pelle ed ossa e diffidente al contatto umano è finito qui e qui continua a stare insieme agli altri 10 compagni di disavventura. “Dopo l’iniziale ondata di solidarietà- dicono i volontari- nessuno ha avanzato richiesta di adozione: loro adesso stanno meglio e cercano casa insieme agli altri”.

Qualcuno qui ci arriva in fasce, qualcuno ci cresce, qualcun’altro qui ci muore. E per loro, i voplontari, è un vero e proprio lutto. Da qui l’appello per un 2017 con una mano sul cuore ed una su una zampa, in compagnia di chi sulla fedeltà avrebbe tanto da insegnare.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*