Estrazione abusiva di pietra calcarea: sigilli ad area di 50mila mq. Due denunce

doc cantina salice

MANDURIA- Sigilli a Manduria, in contrada “Casa rossa – Scapolata”. Il Noe di Lecce ha posto sotto sequestro un’area di 50mila mq all’interno della quale, in assenza di qualsiasi autorizzazione, si stava esercitando abusivamente attività estrattiva di pietra calcarea utilizzata nell’edilizia. Sigilli anche a un impianto di frantumazione e a diverso materiale.

Inoltre i militari hanno provveduto a denunciare i due proprietari del terreno per aver esercitato attività estrattiva in assenza di autorizzazioni; aver omesso la presentazione della denuncia di inizio lavori ad autorità competenti; aver omesso la nomina del direttore tecnico; per non aver predisposto il documento sulla stabilita’ dei fronti di cava e non aver predisposto il documento relativo alla sicurezza sui luoghi di lavoro. Infine sono stati anche denunciati per emissioni in atmosfera non autorizzate.

Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è di circa 400mila euro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*