Associazione a delinquere la denuncia del “Centro casalinghi” alla Unipol Sai

FRANCAVILLA FONTANA-Un incendio devastante il 17 Luglio 2012, drastici tagli al personale (da 120 dipendenti a 40) e il blocco di possibili nuove assunzioni. Per il Centro Casalinghi srl di Franca Villa Fontana da quel giorno è in corso una lunga battaglia per il mancato riconoscimento da parte della propria compagnia assicurativa, la unipol Sai, del giusto indennizzo per il danno subito.

Perizie trascinate per quattro anni, assenza alle sedute accertative: a queste accuse oggi l’imprenditore Vincenzo Di Castri ne aggiunge un’altra, ancora più dura. Solo una settimana fa il Senatore Pietro Iurlaro aveva scritto personalmente ai Ministri dello Sviluppo Economico, della Giustizia, delle Infrastrutture e dei Trasporti, del lavoro e delle Politiche sociali. A loro ha posto un unico grande interrogativo: quali iniziative di propria competenza intendessero assumere a tutela delle imprese vere.

Sulla Milano-Unipol-Sai assicurazioni anche il Senatore è andato dritto al punto, parlando “di un vero e proprio modus operandi pianificato a monte –si legge– che consentirebbe all’assicuratore di non pagare quasi “mai” il danno”.”Associazione finalizzata alla truffa“:questa dunque la nuova ombra che sembrerebbe abbattersi sul business assicurativo dei grandi sinistri.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*