Abbazia di Cerrate, mille anni di storia sommersi dai rifiuti

SQUINZANO-CASALABATE- Strada provinciale Squinzano-Casalabalate, si consuma qui una vera e propria violenza. Vittima uno dei gioielli culturali e architettonici del Salento. Non manca nulla: montagne di cassette di frutta, pezzi di automobili, scarti domestici, mobilia,sanitari tv e sopratutto tanto, tantissimo amianto.

L’ inciviltà protagonista indisturbata. Il risultato, una raccapricciante cornice ad un complesso attualmente gestito dal fai che nel 2012 ne ha acquisito la proprietà tramite una concessione trentennale in seguito ad un bando pubblico indetto dalla Provincia di Lecce.

La storia si ripete: dopo più di 300 anni l’Abbazia torna ad essere presa d’assalto, questa volta dal cattivo costume che su questa strada sterrata trova libero sfogo e si direbbe che lo faccia da anni. Ritorna il fuoco e il tentativo della vegetazione di resistere ad un vero e proprio manto di scarti, che ingoia il fascino e lascia davvero poco spazio alla contemplazione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*