Tetano, l’appello: “Vaccinatevi. Anche una piccola ferita è un rischio”

doc cantina salice

LECCE- Mai prendere sottogamba l’importanza di vaccinarsi: anche contro il tetano. E’ quanto sottolinea il dott. Alberto Fedele, direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della Asl di Lecce, che prende come esempio un episodio accaduto proprio nei giorni scorsi: “Un 84enne, colpito da tetano, ha accusato gravi disturbi neurologici che si sono rapidamente aggravati comportando il ricovero Rianimazione. L’uomo, che da molti anni non effettuava il richiamo del vaccino – spiega il dott. Fedele – ha molto probabilmente contratto la malattia attraverso la contaminazione di ferita con terriccio”.
“Nonostante quella del tetano sia una malattina che predilige gli anziani , in realtà – rimarca il direttore del Servizio Igiene e Salute Pubblica – può colpire chiunque trascuri una ferita e non sia adeguatamente vaccinato. In questi ultimi anni cresce, purtroppo, il numero dei bambini che non effettuano le vaccinazioni di base ed ogni anno, anche quella del tetano. Se non ci sarà un’inversione di tendenza – conclude il dott. Fedele – entro pochi anni avremo migliaia di soggetti non immuni a rischio. Per questo l’Asl Lecce invita gli utenti a richiedere informazioni perchè: informarsi non fa male, non vaccinarsi invece potrebbe“.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*