Arriva Stefano Parisi: le energie del Salento per accendere l’Italia

minerva

LECCE- Ha tratto idee e spunti per “accendere il salento e la Puglia” Stefano Parisi, nella tappa leccese del Megawatt tour che sta toccando tutta Italia. L’uomo che vuole ricompattare il centrodestra con un programma politico liberale e popolare, lui che vuole ripartire dai contenuti, si basa sull’ascolto, l’ascolto della gente.
E questo ha fatto nell’incontro voluto e organizzato da Paolo Pagliaro dell’Ufficio di Presidenza Nazionale di Forzaparisi-lecce

Italia.  Nelle sale dell’hotel Tiziano, si sono avvicendati tantissimi esponenti del mondo dell’associazionismo, dell’imprenditoria, della cultura.  Il prof. Domenico Fazio, prorettore dell’Unisalento, che ha definito “il cervello pulsante del territorio” e puntato il dito contro i tagli. Annalaura Giannelli, presidente dell’Istituto di Cultura salentina, ha detto che occorre fare sintesi tra le varie realtà, le varie associazioni ed eventi. Giuseppe Seracca Guerrieri rivendica l’importanza delle dimore storiche, vera risorsa di questa terra.  Mauro della Valle, presidente di Federbalneari, punta sulla blu economy, sulle persone e sulla destagionalizzazione. Fabio Ingrosso, presidente Copagri, ribadisce che occorre fare sistema, che gli agricoltori possono difendere il territorio ma devono essere messi nelle condizioni di farlo.  Il giornalista Marco Renna ha affrontato il tema del nuovo regionalismo e del federalismo funzionale, mentre Vincenzo Tondi Della Mura, professore di Diritto Costituzionale all’Unisalento, ha parlato alla platea dei rischi della Riforma Costituzionale.

Le energie messe in circolo dai relatori sono state poi oggetto del talk successivo condotto dal direttore di Telerama Giuseppe Vernaleone che ha dialogato con i direttori della “Gazzetta del Mezzogiorno” Giuseppe De Tomaso, “Telenorba” Vincenzo Magistà, “Affari Italiani” Angelo Perrino e “Nuovo Quotidiano di Puglia” Claudio Scamardella.

Subito dopo, Nicola Porro, vice direttore de “Il Giornale” e conduttore di “Matrix”, presentando il suo ultimo libro “La Disuguaglianza fa Bene”, ha portato sul palco la sua idea di liberismo: «L’individuo deve essere al centro della cosa pubblica» e sostenendo che «La risposta di Parisi è una risposta seria».

A conclusione della Convention, Paolo Pagliaro ha introdotto l’intervento finale di Stefano Parisi:«In una fase di stallo e riorganizzazione del centrodestra, un manager di altissimo profilo ha detto: “Parliamo, diamoci da fare tutti. Io ci sono”. Persona seria, affidabile, che non parla in politichese ma che ci lancia il messaggio “Lib-Pop”.Ci piace perché la storia liberale è quella che ha fatto grande il centrodestra e perché, accanto alla dottrina economica, rievoca una dottrina politica valoriale pregna di contenuti e rivolta a tutte le fasce sociali”.

L’ex manager pubblico, dopo aver ascoltato e raccolto le proposte degli esponenti della società civile è salito sul palco ponendo immediatamente l’accento sulla necessità di soluzioni per il Paese: «La prima è l’abbassamento della pressione fiscale che potrà venire dalla riduzione della spesa pubblica, cambiando il perimetro d’azione della pubblica amministrazione. Renzi dice che se non ci fosse l’evasione cipagliaro
sarebbero meno tasse. Non è vero. Esiste l’evasione perché si paga il 70% di tasse; se ci fosse un sistema tassativo giusto, ci sarebbe meno evasione
». E ancora: «Stiamo ricostruendo un programma ideale che ridia una rotta chiara al centrodestra per cambiare profondamente questo Paese sui grandi problemi che la sinistra non riesce ad affrontare. Problemi sociali, immigrazione, terrorismo, soprattutto lo sviluppo economico, tutti grandi temi che oggi la sinistra non è in grado di affrontare e su cui noi stiamo lavorando per portare proposte serie agli italiani».

Infine ha riportato l’attenzione sul tema della Riforma Costituzionale motivando le ragioni del suo “No”: «L’Italia deve fare riforme serie, la Costituzione è una cosa seria che non può essere lasciata ad una riforma così confusa che può generare instabilità istituzionale; è una riforma sbagliata che sta generando molta confusione. L’Italia non si può permettere di entrare in un periodo di confusione istituzionale ma ha bisogno di avere una nuova offerta riformatrice, diversa da questa. Il “No” è un “No” ottimista perché crede nella possibilità dell’Italia di fare riforme nuove». E sulla rigenerazione di un nuovo centrodestra, Parisi ha chiosato: «La politica deve sapersi aprire a persone brave anche se sono talmente brave da rubarci il posto».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*