Due proiettili per Sandro Quintana: indaga la Procura

GALLIPOLI-Due proiettili consegnati direttamente a mano, a Sandro Quintana, ex consigliere provinciale dell’Udc, candidato sindaco nella corsa per ultime elezioni amministrative a Gallipoli e imprenditore del posto. Minacce che ora sono al vaglio della Procura, che ha aperto un’inchiesta a carico dei due uomini denunciati, entrambi gallipolini. L’episodio risale al 9 settembre scorso.
“Stavo pranzando presso il mio ristorante – ricostruisce Quintana – assieme alla miequintana bambine, che per fortuna non si sono accorte di nulla. Si è presentato un signore che conosco per consegnarmi due proiettili avvolti prima in un cellophane e poi in un fazzoletto di carta, uno destinato a me e l’altro ad un nostro cameriere, assieme ad una lettera firmata da M.B. rivolta a mio padre”. A fare da tramite è stato il genero L.C. che ha esplicitato il suo ruolo di ambasciatore per conto del suocero. Il perché? “Probabilmente voleva da me qualcosa che non gli ho dato”, spiega Quintana. La pista privilegiata dagli investigatori è quella estorsiva, legata all’attività commerciale dell’ex consigliere. Anche perché di questo tenore sono anche i messaggi di minacce ricevuti tramite Facebook da un falso profilo.

Si indaga anche per capire se a questa storia sia collegato il rogo dell’auto del cuoco del ristorante, avvenuto solo qualche giorno prima. “E’ stato un mese difficile – ha proseguito Quintana – e per questo ringrazio i carabinieri, ai quali ho sporto denuncia il giorno stesso. I militari, infatti, hanno vigiliato su di noi, garantendoci serenità”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*