Donne incinte e bambini assiderati: migranti gettati in mare dagli scafisti

SAN CATALDO –Gli scafisti li hanno gettati in mare, per sfuggire velocemente, incuranti del fatto che tra i 25 migranti portati nel salento su un gommone, fatti sbarcare dopo la mezzanotte in tutta fretta, ci fossero donne incinte e bambini piccoli.

Impossibilitati ad arrivare sino a riva, gli scafisti li hanno fatti scendere in acqua, sulla spiaggia di S. Cataldo. Ormai non è più estate e la notte scorsa faceva freddo. All’arrivo dei soccorsi erano tutti bagnati, molti in stato di ipotermia. Sono stati trovati nei pressi della darsena, qualcuno li ha visti e ha chiamato la polizia. Sono scattati i soccorsi: sul posto le Volanti, la Croce Rossa, il 118.

FOTO CRI Lecce

Tra loro 10 uomini, 6 donne e 9 bambini. Sono stati rifocillati e quasi tutti portati in ospedale tra Lecce e Galatina. Una bambina non riusciva a muoversi. Si è fratturata il femore durante le fasi dello sbarco. Forse è stata spinta, sicuramente è caduta in acqua in malo modo. Ora è caccia ai responsabili della drammatica traversata, ma la possibilità di trovarli è ormai remota.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*