Volo in ritardo di 4 ore: Giudice di Pace condanna Ryanair

LECCE- Risarcito dalla compagnia Ryanair dopo aver vissuto una vera e propria odissea. La destinazione di un passeggero salentino di 61 anni, con partenza da Brindisi, era Milano dove è arrivato il giorno successivo all’imbarco. A condannare Rynair è stato il Giudice di Pace di Brindisi dopo che il salentino si era costituito in giudizio con l’associazione Codici di lecce.

Il volo era il Brindisi Bergamo del 6 dicembre scorso, giunto a destinazione con oltre 4 ore di ritardo. Il 61enne sarebbe dovuto partire alle 19.30 e arrivare alle 21.10.

Dopo diverse ore in aeroporto, insieme ad altri passeggeri, senza ricevere alcuna informazione, si è imbarcato solo verso mezzanotte, arrivando a Bergamo all’ 1 e 30, con circa 4 ore e 20 minuti di ritardo rispetto all’orario previsto. Concluse le operazioni di sbarco, l’uomo ha naturalmente perso ogni possibilità di raggiungere Milano con il servizio navetta Terravision, che smetteva di funzionare alle ore 01.00. e così, senza alternativa predisposta da Ryanair, ha trascorso la notte in aeroporto, arrivando a Milano all’alba. Da qui l’azione giudiziaria con la richiesta di risarcimento alla compagnia aerea che si è opposta.

Il Giudice di Pace, il dott. Francesco De Vitis, ha accolto però la richiesta stabilendo un risarcimento integrale : 250 euro, e in più ha riconosciuto l’ulteriore somma di 150,00 a titolo di “disagi subiti dal viaggiatore a causa del ritardo”, oltre alla refusione delle spese legali. Troppo spesso accade, commenta l’avvocato Stefano Gallotta, segretario di codici lecce, che le compagnie aeree non rispondano alle legittime istanze indennitarie dei passeggeri giustificando i ritardi con la sussistenza di circostanze imprevedibili ed eccezionali. Questa è una sentenza importante perché non solo risarcisce il costo del biglietto, ma riconosce anche i danni subiti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*