Attualità

Una collana d’oro per terra potrebbe risollevare la sua situazione. Lei la restituisce

LECCE-Quella collana d’oro per terra avrebbe potuto cambiarle la giornata: per esempio avrebbe potuto saldare il conto della bolletta di circa 180 euro in prossima scadenza, e garantirle una spesa dignitosa per almeno 2 settimane. Ma lei non ci ha pensato due volte ed è corsa a restituirla.

Un gesto che dovrebbe rientrare nella buona consuetudine, se non fosse che per Sonia, quell gioiello dal valore di circa 300euro, avrebbe potuto essere un’occasione particolarmente ghiotta. Lei, 42 anni, discoccupata e residente in un alloggio popolare di Lecce in piazzale Cuneo, vive con il marito Massimiliano, 47 anni lavoratore occasionale.

Tre figli e grandi difficoltà economiche ammortizzate dal supporto della Caritas di Lecce e dell’Associazione Pronto Socorso dei Poveri di Trepuzzi. Insieme ad un altro gruppo di bisognosi, la coppia era stata accolta alla vigilia della festa di Sant’oronzo dal Vescovo D’Ambrosio: marito e moglie avevano raccontato al Monsignore la malinconia di fine mese, quel nodo in gola in occasione di ogni scadenza, di ogni pranzo da arrangiare per sfamare ben 5 bocche.

E’ giovedì mattina e Sonia è in strada quando per terra i raggi del sole si riflettono su una collana in oro giallo lì sull’asfalto, e che qualcuno ha certamente perso. Lei la raccoglie e nota una medaglietta, la apre e riconosce in quella foto in miniatura il marito (venuto a mancare) di una signora che abita nelle vicinanze di casa sua.

Non ha un attimo di esitazione e raggiunge l’abitazione della vicina che con grande gioia la accoglie incredula, perchè a quel ricordo era tanto legata e non avrebbe mai pensato, fino a quel momento, di poterlo riavere tra le mani. Il rammarico è tanto e altrettanto è lo stupore: il gioiello ritorna alla sua legittima proprietaria e ci lascia il racconto di una storia di rara onestà.

La morale che supera la disperazione. Quella bolletta per Sonia e suo marito sarà uno dei tanti ostacoli che scandirà l’ennesimo mese difficile: ma poco importa. Il sorriso di quella donna,la proprietaria, per lei non aveva prezzo.

Articoli correlati

È morto l’avvocato Francesco Ciardo, già segretario generale della Camera di Commercio di Lecce.

Redazione

Dillo a Telerama: a Torre Rinalda spiaggia sporca e non accessibile ai disabili

Redazione

Festeggiamenti per i 50 anni di professione religiosa di Suor Giulia

Mario Vecchio

Apre a Roma la nuova sede dell’Accademia Artisti Studios

Mario Vecchio

Fermo pesca ricci, ripopolamento rilevante. Ora i ristori per i pescatori 

Redazione

Isabella e Alessandro Vespa (figlio di Bruno Vespa) hanno pronunciato il fatidico “sì” nella cattedrale di Oria

Redazione