La processione dei Santi Patroni apre ufficialmente i festeggiamenti in città

randstad 2

LECCE- “C’è una dimensione essenziale per la politica ed è l’amore che deve essere presente e penetrare tutti i rapporti. Questa dimensione potremmo definirla come ‘la carità politica’. Lo vediamo e lo constatiamo. Purtroppo è largamente assente: gruppi di potere, clientele, consorterie, poteri forti, inquinano questa nobile arte che serve e fa crescere la qualità della vita.

Conseguenze di tutto questo: assenza di dialogo, contrapposizioni, degrado della dialettica politica, aumento delle povertà, sfiducia nelle istituzioni”.

È questo il passaggio fondamentale del tradizionale Messaggio alla città che l’Arcivescovo di Lecce, Domenico D’Ambrosio, richiamando il Magistero del Beato Paolo VI e di Papa Francesco, ha rivolto ad una Piazza Duomo gremita di fedeli al termine della processione dei Santi Patroni Oronzo, Giusto e Fortunato, che apre i processione 2festeggiamenti in onore dei santi patroni, in particolare, ai numerosi rappresentanti istituzionali del territorio che, com’è consuetudine, prendono parte al solenne evento religioso che coinvolge non solo la città capoluogo ma tutto il Salento e le migliaia di turisti che in questo periodo hanno scelto il sud della Puglia come metà per le proprie vacanze estive.

Con noi questa sera – ha detto D’Ambrosio all’inizio del suo discorso facendo riferimento al brano biblico ispiratore del suo Messaggio, passo nel quale l’Apostolo Paolo invita a pregare per i governanti – come sempre c’è una larga e qualificata presenza di coloro ‘che stanno al potere’ per servire e guidare la comunità.

È una presenza dovuta, come da prassi istituzionale, ma è anche – e ne sono certo – un voler condividere un momento qualificante della vita della comunità che servono e, per tanti, la stessa fede che ci lega a Cristo e ci fa essere unica famiglia, quella dei figli di Dio. Autorità tutte, vi saluto con stima, grato non solo per il molto che fate per tutti noi, ma anche per lo stile di collaborazione che connota i nostri rapporti, convinto che le mancate o incomplete risposte alle esigenze della comunità non sono imputabili alla sola vostra responsabilità.

Talvolta sono il frutto di una situazione congiunturale complessa, incerta, ondivaga che penalizza ingiustamente la nostra terra, il nostro Sud, forse perché siamo distanti fisicamente dai luoghi alti dove si decidono scelte, priorità, o perché non alziamo con decisione e perspicacia la voce per far valere le nostre ragioni o anche perché si privilegiano interessi di gruppi e non della comunità intera”.

Dalla pratica dell’arte nobile della politica, l’Arcivescovo di Lecce – che fin dal suo arrivo nella diocesi salentina ha sempre considerato missione prioritaria della chiesa locale il servizio della carità – non esclude nemmeno
il popolo dei credenti.

Impresa non facile quella che iscrive molti tra noi alla categoria dei politici, ai servitori cioè della città, della greca pòlis o della res publica latina. Ho usato il pronome ‘noi’ per iscrivermi ai politici, a quelli che servono la comunità. Sì, perché la comunità cristiana fa ‘politica’ perché sta tra la gente e serve la gente. Da una parte non si chiude in un ghetto, dall’altra non sceglie di mettersi in una situazione concorrenziale con la vita storica e con le varie realtà impegnate a promuovere la dignità piena e il rispetto per ogni uomo”.

“L’intricato, complesso e tormentato momento storico che stiamo vivendo – è l’appello accorato di D’Ambrosio alle autorità presenti – in particolare nel nostro Paese, ci sta conducendo a uno snodo importante che impone una scelta: riabilitare la politica, come luogo di dialogo, di ascolto, di servizio, di partecipazione democratica, e pensarla come l’unico ambito capace di porre un limite umano al potere o strapotere del denaro, dell’economia, della tecnica. Carissimi servitori dello Stato a vario titolo, accogliete questi miei pensieri come segno di grande amicizia e stima per le gravose responsabilità che vi legano alla nostra comunità che vuole uscire dalle sue paure e dalle sue delusioni”.

Prima di chiudere, il consueto saluto ai detenuti e a tutto il personale del carcere di Lecce. Infine la sua personale gratitudine, in questi giorni di festa, “alle centinaia di volontari che riempiono con la loro generosa e gratuita disponibilità, i vuoti, le assenze e le povertà delle migliaia di ospiti di 56 diverse nazionalità che affollano le strutture di carità”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*