Psicosi terrorismo: Pakistano vaga con un mitra di plastica, pioggia di chiamate alla Polizia

SALVE- Paura in strada a Salve in prima mattinata quando un uomo, Straniero e scuro di carnagione, si aggirava con un fucile mitragliatore in mano. Il 27enne pachistano sarebbe stato la causa di una vera e propria pioggia di segnalazioni al 113 e al commissariato di polizia di Taurisano. Un dettaglio non da poco quello sfuggito agli automobilisti presi dal panico e in preda ad una psicosi terroristica: ad essere impugnato dall’uomo era in realtà un fucile giocattolo.

A dichiararlo agli agenti è stato lui stesso, fermato intorno alle 10 , aggiungendo di averlo trovato per terra e di averlo tenuto fra le mani fin quando, visti gli sguardi terrorizzati dei passanti, avrebbe deciso di gettarlo via avendo intuito il malinteso.

L’arma giocattolo è stata ritrovata per terra, all’altezza all’incrocio fra Salve e Torre Pali (in direzione di Gallipoli). L’uomo è stato poi condotto presso il commissariato, procedendo alla perquisizione dell’alloggio in “Costa d’oro” di Salve, albergo diventato centro d’accoglienza dove il giovane risiede.

Nulla di preoccupante sarebbe stato però rinvenuto, pur rimanendo indagato per procurato allarme. Al fine di chiarire altri dettagli del caso è stato intanto nominato un ausiliario interprete di polizia giudiziaria di madrelingua pachistana, collaboratore già in precedenza della Procura.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*