Tim Cup: il Lecce elimina l’Ascoli ai calci di rigore. Adesso il Genoa

LECCE (di Tonio de Giorgi)- Ci sono voluti i calci di rigore per la qualificazione al terzo turno di Tim Cup. Tra Ascoli e Lecce l’hanno spuntata i giallorossi, 9-8 dopo i tiri dal dischetto. La squadra leccese avrebbe potuto festeggiare dopo i tempi supplementari, ma i padroni di casa hanno acciuffato il pari al terzo dei sei minuti di recupero rimandando tutto all’extra time. Per il Lecce adesso c’è il Genoa, la partita si giocherà venerdì 12 agosto al Ferraris.
Ascoli e Lecce con il 4-3-3. Nel Lecce rispetto al primo turno c’è Doumbia al posto di Vutov. L’ultimo arrivato Torromino è in tribuna.

La prima conclusione pericolosa è dell’Ascoli (5′) con Orsolini che impegna Gomis, il quale devia in angolo. Al 20′ azione del Lecce: da Pacilli verso Arrigoni, il quale lascia partire un destro, che finisce fuori, non di molto. Al 33′ ci prova l’ex Caturano con il mancino dai 20 metri, conclusione interessante che termina di poco fuori e un minuto dopo rasoterra di Pacilli da posizione laterale, para sicuro Lanni.

Al 38′ Lecce in vantaggio con Lepore, che batte Lanni con un bellissimo sinistro da fuori che sbatte sotto la traversa e poi finisce dentro. La ripresa inizia con l’Ascoli a caccia del pareggio, ma il Lecce al 12′ raddoppia con Caturano, che deposita in rete sotto misura dopo una splendida iniziativa di Lepore dalla destra. Tra il 27′ e il 28′ un’occasione per parte: per l’Ascoli, Jaadi si invola tutto solo verso la porta avversaria, ma alla fine spara su Gomis. Giallorossi, invece, pericolosi con Doumbia, il cui piatto destro sorvola la traversa. Al 29′ l’Ascoli accorcia le distanze grazie ad un autogol di Giosa, il quale devia nella propria porta porta un tiro di Gatto che aveva superato Gomis, 1-2. Nel finale Caturano lascia il posto a Fiordilino

Al terzo dei sei minuti di recupero L’ Ascoli acciuffa il pari con Mengoni, che di testa batte Gomis su corner dalla sinistra di Hallberg. Nel primo tempo supplementare Ascoli vicino al vantaggio, ma è sfortunato Jaadi che colpisce la traversa con una conclusione d’esterno, Orsolini è pronto e deposita in rete ma l’arbitro annulla per offside. Allo scadere del primo tempo supplementare Lepore impegna il portiere avversario pronto a deviare in angolo. Nel secondo tempo supplementare le squadre tentano di superarsi ma si va ai calci di rigore. Per l’Ascoli sbagliano Jaadi e Mengoni. Tra i giallorossi l’unico errore è di Fiordilino. Quello decisivo lo mette a segno Ciancio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*