“Cinture Vaganti”, Ciraci: “Il mio corto? Un biglietto da visita per Ferzan OzpeteK”

LECCE- Il sogno di dar vita a una scuola di cinema qui a Lecce ha portato il filmaker Peppino Ciraci a realizzare un cortometraggio ironico. Si tratta di “Cinture Vaganti”, una parodia che fonde insieme i due film di Ferzan OzpeteK: “Mine Vaganti” e “Allacciate le Cinture”, girati nel Salento.

Due minuti e 34 secondi di ironia in cui si pizzicano sia il regista che gli stessi salentini: Ciraci si intrufola nel set, dialoga con gli attori ponendogli domande su Lecce e il Salento. Punta i riflettori sulle location ripetute nei film di Ozpetek e su certe inquadrature furbette. Ma tutto questo senza urtare la suscettibilità di nessuno, assicura il filmaker.

Cinture Vaganti si pone quindi come un biglietto da visita, per attirare l’attenzione di un regista importante. Da qui l’appello affinchè questo corto possa esser letto per ciò che davvero rappresenta: “Io vorrei Ferzan OzpeteK -afferma Ciraci- nella mia scuola e magari facendolo diventare un punto di riferimento”.

E.P.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*