No al Referendum costituzionale: il centrodestra leccese fa quadrato verso l’obiettivo

LECCE- Si è riunito Lunedì 18 luglio intorno alle 19 il Comitato del No al Referendum Costituzionale voluto da Paolo Pagliaro, dell’Ufficio di Presidenza Nazionale di Forza Italia, di concerto con il Segretario provinciale del partito della Meloni, Pierpaolo Signore e con il Segretario leccese del partito Noi con Salvini, Leonardo Calò.

Primo in tutta la provincia di Lecce e fondato grazie alla sinergia di tre delle colonne portanti del centrodestra, il comitato ha continuato ad ampliarsi e nel primo incontro ha colto l’occasione per ribadire ancora una volta la sua apertura a tutte le opposizioni al Governo Renzi. Tutti d’accordo quindi sulla necessità di un centrodestra che si riscopre unito e aperto al dialogo interno ma non solo, capace di mettere insieme le idee e la voglia di formare ed informare i cittadini in vista di quella che è considerata la “madre di tutte le battaglie” contro una riforma che all’unisono i membri del comitato definiscono “scellerata”.

Pari dignità ed importanza sono state da subito garantite a quelle che attualmente sono le nove forze politiche schierate attivamente in campo e che potrebbero diventare dieci con la partecipazione dei Cor.

I prossimi mesi saranno quelli durante i quali si lavorerà per aumentare la consapevolezza dei cittadini: incontri informativi, eventi a partire dalle marine protagoniste della stagione estiva, discussioni in piazza, banchetti e giornate informative nelle scuole sono solo alcuni dei progetti passati al vaglia nelle scorse ore.

Superare il divario di “appartenenza” è lo strumento individuato per combattere una riforma definita “distruttiva e farraginosa”, far ritrovare al popolo la giusta rappresentanza politica, creare una piattaforma per le prossime amministrative e, perchè no, anche per le prossime politiche.

10 motivi per dire no quelli redatti nel programma: tra i principali, l’appello ad una costituzione che dovrebbe unire ma mai dividere, confermandosi la “carta di tutti” che “non può essere cambiata con un colpo di mano da una maggioranza che – ribadisce il comitato- può definirsi tale solo su carta”. La battaglia è pronta a scendere in piazza.

Ordine del giorno: ripartizione dei compiti interni al Comitato.

BANCHETTI : Federica de Benedetto e Cristian Sturdà FI, Gianpiero Persano e Mariolina Pizzuto IO SUD , Luisa Fasano noi con Salvini. Francesco Buja MSI , Giovanni De Luca FDI, Iaia Capuzzello MRS.

EVENTI SCIENTIFICI CON GIURISTI E COSTITUZIONALISTI
Silvia Pispico Presidenzialisti, Vincenzo Scarpello FdI , Vittorio Trullo noi con Salvini , Ada Alibrando Roberto Nitto FI, Franco Ruggiero MRS

GRUPPO DI STUDIO INTERNO
Antonella Persano Io SUD, Rino Marzo noi con Salvini, Nuccia Scrimieri MRS.

COMUNICAZIONE E PROMOZIONE: Cosimo Leo FI

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*