Infiltrazioni criminalità campana, le parole del Prefetto a Telerama aprono il dibattito politico

doc cantina salice

LECCE-  Le parole del prefetto Claudio Palomba durante l’intervista in esclusiva rilasciata a Telerama aprono il dibattito non solo tra gli imprenditori salentini del turismo, direttamente interessati al più che probabile tentativo della mafia campana di mettere le mani su stabilimenti balneari e su tutto ciò che ruota attorno al turismo del Salento, ma scuote anche il mondo politico.

Dopo la decapitazione dei clan locali arrivano i gruppi campani e questo preoccupa le istituzioni e gli organi inquirenti che hanno già avviato controlli. Il vice ministro Teresa Bellanova ha parlato di un allarme pesante come un macigno e annuncia un incontro sulla questione con il Ministro Alfano”. L’analisi del Prefetto Palomba, considerata la sua caratura, va presa molto sul serio, dice la Bellanova e per questo le sue dichiarazioni durante l’intervista a Telerama, devono essere considerate inequivoche, anche relativamente all’attenzione particolare verso il Comune di Parabita che non esclude l’accesso ai fini di un eventuale scioglimento del Comune (nella stessa direzione ci sarebbe anche Acquarica del Capo). Per questo conto di sentire già nelle prossime ore il Ministro Alfano, sottoponendogli le dichiarazioni del Prefetto – che immagino già conosca –, sollecitandogli di conseguenza una grande attenzione nei confronti del nostro territorio e anche, se necessario, azioni conseguenti. Silenzio e acquiescenza sono i migliori alleati dei clan. Non possiamo permetterci questo né possiamo permettere che i nostri giovani guardino alla criminalità come risposta al loro futuro. In questo il ruolo dell’ente locale, delle classi dirigenti territoriali, è dirimente per sostenere e alimentare azioni di forte prevenzione che non alimentino né equivoci né ambiguità”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*