“Pianeta Acqua”, il corpo nel mare di Max Hamlet Sauvage

MAGLIE- Ancora per pochi giorni, presso la Fondazione Capece di Maglie in Piazza Aldo Moro, ci sarà la possibilità di tuffarsi nel mare del surrealismo di Max Hamlet Sauvage, con la mostra “Pianeta Acqua”.
Si tratta di opere che propongono una visione nuova, fresca e sublime di bagnanti che nuotano nel mare o nelle piscine, in cui il protagonista assoluto resta il corpo. Altro particolare importante dei dipinti è l’acqua, che per l’artista diventa metafora di purificazione, di vita, di morte e di rinascita.

Pittore, scultore, fotografo, artista poliedrico, Max Hamlet Sauvage non smette mai di stupire e regalare nuove emozioni. Anzi, dopo la tappa di Maglie, è pronto per tornare nella sua città d’origine, Gallipoli, dove salentini e non potranno continuare ad ammirare le sue opere nell’hotel Gallipoli Resort. E ancora, tra le tappe salentine è prevista anche Santa Maria di Leuca.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*