Cronaca

Il Codacons: il Comune corra ai ripari. Caos per la raccolta differenziata

LECCE- Una situazione di caos e di inadeguatezza, quella illustrata dal Codacons nella città di Lecce riguardante la raccolta differenziata. Ad un anno dall’avvio della “raccolta differenziata spinta” infatti, detta anche “porta a porta”, si può giungere alla conclusione- afferma l’Avv. Piero Mongelli- che il servizio non rispecchi minimamente né la qualità né l’efficienza. Non si comprende la scelta dei carrellati condominiali quando non ci sono gli spazi per collocarli, l’orario di conferimento rispetto all’inizio del servizio di raccolta distribuito per zona, non si infine capisce perchè si sia optato per dei Kit che poi vengono, puntualmente, rubati.

Un disservizio che tra l’altro i cittadini stanno pagando profumatamente, anche se l’odore che si sente a passeggiare vicino ai pochi cassonetti rimasti in città è tutto tranne che profumato- afferma Mongelli- con un aumento di 1.800.000 euro in più e un aumento della TARI dell’8%.

Articoli correlati

Malore per il candidato Ciucci: trasportato d’urgenza in ospedale

Redazione

Rissa alla Camera: il deputato salentino Donno esce in carrozzina

Redazione

Moglie denuncia i maltrattamenti, marito si reca in caserma e viene arrestato

Redazione

Rapina violenta in casa di un’anziana: una condanna e un’assoluzione

Redazione

Lecce, truffa da 67 milioni di euro con i Superbonus 110. Dodici indagati

Mario Vecchio

Cocaina in camera da letto, arrestato un 43enne

Redazione